• 051 757040
  • info@protezione-dati.eu

Crittografia Omomorfica

Crittografia Omomorfica

La soluzione ai problemi di privacy del mondo potrebbe chiamarsi crittografia omomorfica, una soluzione che per anni è stata fuori portata per via del fatto che erano necessari computer troppo potenti ma che oggi, grazie proprio al continuo miglioramento dell’hardware, comincia a sembrare una via praticabile. E incidentalmente permetterebbe a decine di migliaia, tra aziende private ed enti pubblici, di rispettare le leggi senza mal di testa.

L’idea nasce alla fine degli anni settanta ed è riassunta in un documento firmato da Ron Rivest, Len Adleman, Michael Dertouzos. Vi si descrive un metodo per effettuare calcoli su dati crittografati in origine: a un sistema vengono forniti due valori protetti da crittografia, e ne risulterà un dato anch’esso protetto. Le chiavi di decrittazione sono necessarie solo all’inizio e alla fine del progetto, perché il sistema di calcolo può eseguire il lavoro anche senza conoscerle.

L’implicazione di questo approccio è una tutela assoluta dell’informazione. Diciamo che un ospedale deve elaborare i dati di molti pazienti per estrapolarne valori statistici, e per farlo vuole affidarsi a una società specializzata. Farlo nel pieno rispetto del GDPR, il regolamento europeo per la tutela dei dati personali, è piuttosto difficile. Con la crittografia omomorfica invece sarebbe semplice, perché il consulente non potrebbe vedere i dati, ma potrebbe comunque applicare i suoi algoritmi e generare un risultato. E non servirebbe far firmare il consenso a migliaia di persone.

Alla luce dei nuovi regolamenti, quelli approvati e quelli in fase di approvazione, per un’azienda è praticamente il Santo Graal del trattamento dati. Inoltre la crittografia omomorfica potrebbe anche rendere più solida la sicurezza di Facebook, Google o simili: perché potrebbero concedere l’uso di dati ai propri clienti (non siamo noi i clienti) senza temere abusi. E poi ci sono le migliaia di violazioni informatiche, a cui si potrebbe rispondere in modo efficace con la crittografia omomorfica.

Già, ma allora perché non l’abbiamo già messa in pratica? Semplicemente perché questo tipo di calcolo è decine di migliaia di volte più lento rispetto al calcolo su dati non crittografati. Troppo, ma comunque ci sono stati passi avanti, visto che all’inizio la differenza era nell’ordine delle migliaia di miliardi. Tra il miglioramento degli algoritmi e l’aumentare della potenza hardware, quindi, diciamo che nell’arco di qualche anno forse “si potrebbe fare”.

C’è però un altro ostacolo da superare: affinché sia possibile usare la crittografia omomorfica è necessario cambiare alla radice il modo in cui si manipolano i dati. È necessario sapere in anticipo quali operazioni andranno eseguite sul dato crittografato, affinché questo sistema si possa applicare. Questo metodo richiede dunque una grande prevedibilità sulle azioni, un criterio che ad oggi la maggior parte delle aziende non può soddisfare.

Siamo quindi ancora piuttosto lontani da una vera applicazione di questo approccio, tuttavia le norme sempre più restrittive sull’uso dei dati, e la sempre crescente richiesta di sicurezza, stanno cominciando a far sembrare la crittografia omomorfica un’opzione interessante. Contro gli enormi costi di sviluppo e implementazione, infatti, ci sono quelli per le sanzioni e il possibile blocco delle attività per cause legali.

Nicola Madrigali

Invia il messaggio